Serravalle di Chienti, veduta panoramica
Altopiano plestino, valico di Fonte delle Mattinate
Altopiano plestino, valico di Valle Luce lungo la Via della Spina
Colle Curti, area di rinvenimenti di fossili pleistocenici
Abbazia di Acquapagana, paesaggio invernale
Gelagna Alta, palestra di roccia
Brogliano, Convento di San Bartolomeo
Serravalle di Chienti, Chiesa di Santa Lucia, affreschi di De Magistris

Il centro, il cui nome tradisce l’originaria vocazione silvo-pastorale (“zone di cese-terreni disboscati”), è documentato almeno dal 1087. La Chiesa di S. Callisto conserva affreschi databili tra il XV e il XVI secolo insieme ad opere lignee del tardo-barocco. Sulla facciata di una casa è inserita invece una testimonianza relativa all’epoca romana: un’epigrafe funeraria databile tra la fine del I sec. a.C. e gli inizi del I sec. d.C.
All’incrocio per Visso e Popola un cippo della “Brigata Garibaldi” ricorda i partigiani assassinati il 14 marzo 1944.